MIO FIGLIO HA UN DISTURBO SPECIFICO DELL’ APPRENDIMENTO? 10 CAMPANELLI DA OSSERVARE

Capita più o meno ogni anno, al giro di boa dell’anno scolastico, di ricevere chiamate da parte delle famiglie preoccupate per l’andamento scolastico dei propri figli. Mi raccontano di quanto siano svegli, capiscano tutto ma spesso appaiono pigri, faticano a fare i compiti, leggono lentamente e magari fanno diversi errori in ortografia. Uno dei crucci maggiori che hanno come famiglia è che vorrebbero aiutare di più i loro bambini ma non sanno cosa fare o cosa sta succedendo. Potrebbe avere un disturbo specifico dell’apprendimento?

CHI SONO I BAMBINI CON UN DISTURBO SPECIFICO DELL’APPRENDIMENTO

I bambini con un DISTURBO specifico dell’apprendimento hanno un deficit di origine neurobiologica, presente fin dalla nascita, che crea un diverso modo di apprendere. Rappresentano il 2% della popolazione italiana. Interessa uno specifico ambito di abilità (lettura/scrittura/ calcolo) lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale causando fatica nel rendere automatici gli apprendimenti scolastici di base.

LA SCUOLA

Durante il colloquio chiedo sempre se queste difficoltà sono state riscontrate anche dagli insegnanti. Spesso una segnalazione precoce può essere fondamentale per poter intervenire tempestivamente in modo da non trascinare queste fragilità lungo il percorso scolastico. Di solito le difficoltà si presentano intorno alla seconda-terza elementare. Quando tutte le abilità di base negli apprendimenti dovrebbero già essersi consolidate. C’è una buona fetta di bambini, che già dalla scuola dell’infanzia presentano dei campanelli d’allarme per questo il vostro sguardo attento insieme alle osservazioni degli insegnanti sono indispensabile per captare ogni segnale!

Anche se sono piccoli, in presenza di campanelli d’allarme,  fare un lavoro di potenziamento permette di intervenire anticipatamente e di colmare alcune lacune che con il tempo potrebbero aumentare.

ECCO 10 CAMPANELLI DA OSSERVARE

Nella scuola dell’infanzia un bambino potrebbe presentare:

  • ritardo o disturbo di linguaggio
  • fa fatica a distinguere la destra dalla sinistra
  • difficoltà a memorizzare una sequenza di numeri
  • cattiva gestione dello spazio all’ interno del foglio

 Nella scuola primaria un bambino potrebbe presentare:

  • Lettura più lenta rispetto ai suoi compagni anche se corretta
  • Leggendo fa molti errori, confonde le lettere che hanno un suono simile (es f-v) o che appaiono visivamente simili (es. q-p), aggiunge o emette lettere
  • Scarsa memoria nel ricordare parole e termini specifici
  • Scrivendo scambia suoni simili per forma (b-d..), oppure omette/aggiunge lettere, sillabe o parti di parola
  • Errori ortografici
  • Difficoltà nell’enumerazione

OK RIVEDO PROPRIO IL MIO BAMBINO. COSA POSSO FARE?

Capisco il senso di smarrimento. Quando abbiamo a che fare con la salute dei nostri bimbi abbiamo mille dubbi che ci ronzano in testa: temiamo che non riusciranno a cavarsela da soli, che rimarranno sempre indietro o che abbandoneranno la scuola! Niente di tutto questo cari genitori. Un bambino con DSA ha tutte le carte in tavola per realizzare qualsiasi SUO sogno!

Ma diventa importante in  questo il momento per capire il punto di partenza delle sue difficoltà che ci permetteranno di aiutarlo nel vivere la scuola in maniera serena ed efficace. Servirà una diagnosi in modo da poter tutelare il bambino nel suo percorso scolastico. La diagnosi viene effettuata alla fine della seconda elementare in modo che abbia il tempo di consolidare i suoi apprendimenti. La valutazione è effettuata dal Neuropsichiatra infantile e dallo Psicologo in collaborazione con altre figure di tipo professionali (logopedista, neuropsicomotricista dell’età evolutiva, pedagogista..) sia con il sistema sanitario nazionale o sia con professionisti che operano nel privato.

 E se vuoi sapere di più come aiutare il tuo bambino esistono dei percorsi personalizzati di potenziamento per consolidare, sostenere ed automatizzare la lettura, scrittura e calcolo. Trovi maggiori informazioni nella sezione SERVIZI.

 Hai una domanda che vorresti farmi per scoprire di più sul mio metodo? Vuoi sapere più nel dettaglio come posso aiutarti? Sono qui per te: contattami! Sarò felice di approfondire con te le possibilità logopediche.

 

 


logopedistavalente@primeparole.it

In una prima telefonata decideremo insieme se e quando è necessario fissare un appuntamento.